Honda CBR 1000 RR fireblade 2010

 

 

La nuova Honda CBR 1000 RR Fireblade 2010, arriverà presto in concessionaria rinnovata nelle grafiche ed in alcuni dettagli tecnici. Rivisti sono il codone, lo scarico, le grafiche ed il motore, che introduce alcune novità pensate per migliorare l’erogazione.

Honda_CBR_1000RR_Fireblade_C-ABS_2.jpg

Corsa corta, il cuore della Fireblade 2008/2009 si è rivelato  estremamente trattabile ma allo stesso tempo molto potente. Il merito è da ricercare nelle “chicche” tecnologiche che i tecnici dell’Ala Rossa hanno voluto riservate al quattro in linea della loro SBK replica, come i cilindri senza camicia, i pistoni ultraleggeri ma anche gli alberi a cammes dal profilo particolarmente spinto o le valvole di aspirazione in titanio. Non contenti, in Honda hanno voluto cercare di migliorare ulteriormente la facilità di guida e la qualità dell’erogazione, introducendo un alternatore più grande ed albero motore ancor più rigido, che hanno permesso d’incrementare la massa inerziale del 6,87%, a tutto vantaggio della risposta più lineare anche nei tipici apri/chiudi imposti dalla guida tra i cordoli. 178, come al solito, i CV disponibili a 12.000 giri, 112 i Nm di coppia massima a 8.500 giri.

 

 

 

 

honda-cbr1000rr.jpg

Modifiche che non hanno intaccato il peso complessivo della CBR 1000 RR 2010 rispetto al M.Y. 2009, dato che a compensazione della componentistica più pesante sono stati introdotti bulloni di tenuta della testata in alluminio, è stato rivisto il rivestimento della flangia del tubo di scarico ed è stata introdotta una elettroventola del circuito di raffreddamento più compatta. Leggermente rivisto anche lo scarico, in particolar modo nella zona inferiore: come il modello precedente è dotato di sonda lambda HECS3 (Honda Evolutional Catalysing System) e sfrutta due valvole interne al terminale per far raggiungere rapidamente al propulsore la corretta temperatura di esercizio. Nessuna, novità, invece, sotto il profilo della trasmissione: come il M.Y. 2009 anche la Honda CBR 1000 RR Fireblade 2010 propone di serie la frizione antisaltellamento.

 

 

silver-cbr-1000.jpg

Tutto invariato, invece, in termini di ciclistica: il telaio in alluminio a quattro elementi è abbinato al classico forcellone ad ala di gabbiano, anch’esso realizzato nello stesso materiale, controllato da un monoammortizzatore con leveraggio progressivo Pro-Link, di derivazione MotoGP. All’anteriore, purtroppo, non fa la sua comparsa la forcella forcella Showa BPF: rimane dunque al suo posto la “tradizionale” HMAS da 43 mm. L’impianto frenante, disponibile anche nella versione con ABS elettronico combinato, prevede l’utilizzo di due dischi da 320 mm morsi da pinze a quattro pistoncini davanti ed un disco singolo da 220 mm, abbinato ad una pinza a pistoncino singolo, dietro. Agli appassionati di numeri, segnaliamo che la Blade fa segnare 23°18′ alla voce “angolo di inclinazione del cannotto di sterzo”, 96,3 mm d’avancorsa e 1.410 mm di passo. 199 kg la massa in ordine di marcia.

 

honda_cbr1000rr_abs_13.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La CBR 1000 RR Fireblade 2010 è disponibile in quattro varianti di colore. La classica Winning Red (già presente in gamma), le due nuove Silver Metallic/Pearl Fire Orange (bicolore) e la Graphite Black (monocolore nero con cerchi color oro) oltre alla rinnovata grafica tricolore HRC, disponibile anche in versione ABS Combinato.

 

 

 

  Presto saranno disponibili nuove informazioni e curiosità sulla neonata della casa honda.

 

 

SCHEDA TECNICA:

Omologazione

3

Tempi

4

Cilindri

4

Cilindrata

999.80

Potenza-CV

178.20

Potenza-kW

131.00

Giri Potenza

12000

Coppia-Kgm

11.40

Coppia-Nm

112.00

Giri Coppia

8500

Marce

6

Freni (Ant-Post)

2D-D

Misura Cerchi

17-17

Peso

Kg 199.00

Lunghezza

2080

Larghezza

685

Altezza Sella

mm 820

Serbatoio

Lt 17.70

Prezzo

€ 16.310

 

 

Prezzo su Strada

€ 16.510

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Honda CBR 1000 RR fireblade 2010ultima modifica: 2010-11-25T00:45:00+01:00da rebirth10
Reposta per primo quest’articolo